Leadership Coaching

Coach: una parola attuale e molto spesso associata alla figura dell’allenatore sportivo al quale tuttavia il coach non corrisponde. 

L’approccio di coaching risale a molto tempo fa, può essere ricondotto addirittura al metodo di discussione socratico (maieutica) che aveva come intenzione quella di accompagnare e motivare le persone tramite un viaggio di scoperta delle proprie caratteristiche e potenzialità. 

Il metodo socratico usava la tecnica delle domande esplorative per condurre a poco a poco la persona alla conoscenza di sè. Il termine “coach” deriva dal Middle English “coche” che corrisponde al moderno inglese “wagon” (carro) o “carriage” (carrozza, vettura). 

Un coach è in effetti un veicolo che trasporta una persona o un gruppo di persone da un luogo di partenza ad una meta desiderata. 

Il coaching si può definire come:

un processo caratterizzato da una relazione efficace con una persona o con un gruppo e volto allo sviluppo delle potenzialità umane ed anche come un modello relazionale rivolto alla persona o ad un gruppo di persone che intendono trasformare i loro obiettivi in risultati eccellenti 


Il coaching si concentra sul cambiamento generativo e sulle modalità per attuarlo, accende i riflettori sulla definizione degli obiettivi e sulle modalità per raggiungerli.

Il cambiamento correttivo invece, si associa al counseling ed alla terapia. 

Il coaching è orientato al risultato piuttosto che centrato sul problema, si differenzia perciò in modo radicale dagli approcci di “problem solving”. La prospettiva del coaching è tutta rivolta al futuro ed all’individuazione di funzionali strategie di pensiero e di azione, non cerca di risolvere o trovare le cause di conflitti e problemi nel passato. Il coaching riguarda il riconoscere cosa fare ed allo stesso tempo come fare per raggiungere una meta desiderata. 

Il coach ha come obiettivo quello di far sì che il cliente “prenda la vita nelle sue mani”, diventi più consapevole, responsabile, indipendente e passi ad azioni concrete, misurabili ed osservabili. Il coach agisce perciò come un facilitatore, come un catalizzatore, un enzima, una sorta di moderno alchimista che garantisce risultati concreti e personalizzati. Il coach non è direttivo, è neutrale ed adotta un basso livello di influenzamento. Il suo strumento principe di lavoro è la relazione efficace e generativa col cliente, punteggiata da domande potenti e di qualità e caratterizzata da un clima di fiducia. 

  

Il coach professionale ha una preparazione universitaria ed una formazione specifica come coach. I suoi principi ispiratori sono: la creazione di relazioni basate sulla completa fiducia e sul rispetto dell’autonomia del coachee, il mantenimento del segreto professionale, la massima trasparenza e chiarezza riguardo a metodi e prestazioni e la volontarietà della partecipazione al percorso di coaching. 

L'Executive ed il Business coaching
sono strumenti chiave di supporto all' imprenditore, al manager ed al professionista nonchè al processo di trasformazione culturale dell’organizzazione aziendale, da un luogo dove le persone ricevono ed eseguono delle direttive ad un altro dove le persone partecipano agli obiettivi aziendali e si impegnano utilizzando il proprio talento e le proprie capacità.  

 

 

Il coaching è una relazione di partnership privilegiata tra coach e coachee
all'interno di un modello di conversazione costruttivo e creativo
che conduce a massimizzare il potenziale personale e professionale
ed a raggiungere le proprie mete


 

A chi si rivolge il coaching?

A tutti coloro che vogliono, nella vita privata e professionale:  

 attraversare un profondo processo di apprendimento che produrrà nuovi comportamenti e capacità
 
acquisire consapevolezza delle proprie capacità e sviluppare le proprie potenzialità inespresse
 

identificare in modo chiaro i propri obiettivi per trasformarli in risultati eccellenti

espandere la propria capacità di compiere azioni efficaci e congruenti con i propri obiettivi 

venire aiutati ad individuare strategie di azione ed a metterle in atto attraverso un processo molto energizzante 

trovare o migliorare la motivazione necessaria ad agire 

diventare protagonisti del proprio sviluppo, incrementando la propria responsabilità personale

raggiungere un più elevato grado di benessere

vivere, non soltanto sopravvivere

 

Il coach è allenato ad ascoltare in modo contestuale, ad osservare, a fare domande potenti ed a personalizzare il proprio approccio in base alle esigenze del coachee.

  • Il coach supporta le persone ed i team a migliorare le loro prestazioni e la qualità delle loro vite
  • Il coach si attiva per far emergere soluzioni e strategie dal cliente con un approccio maieutico
  • Il coach crede che il cliente sia creativo e fornito di risorse che attendono solo di venire attivate
  • Il coach aiuta persone e team ad accrescere la propria resilienza, cioè la capacità di affrontare difficoltà ed avversità, uscendone rafforzati